Centro Vaccini Antegnate

Su richiesta di Regione Lombardia nella giornata di Domenica 28/02/2021 la nostra Squadra di Colonna Mobile Regionale modulo Telecomunicazioni si è recata con urgenza presso il Centro Commerciale di Antegnate, per prestare immediato supporto tecnico in questa prima fase di start-up . L’intervento si è poi replicato nella giornata di Lunedì.

Collaudo … Positivo

Negli ultimi mesi del 2020 la squadra TLC ha partecipato al complesso collaudo della rete regionale, ammodernata e potenziata, per permettere una maggiore operatività soprattutto a livello provinciale, suddividendo i vecchi canali in molteplici gruppi di lavoro territoriale di competenza provinciale. Grazie alla tecnologia DMR (digitale) questo lavoro risulta bel equi distribuito e con altissime potenzialità.

Il nostro contributo è stato, mediante un’attenta programmazione, di raggiungere punti prefissati e di verificare le coperture sui vati canali assegnati e di testare anche il sistema di geo localizzazione di apparati portatili che dei mezzi mobili.

Abbiamo percorso svariati chilometri raggiungendo, in più missioni, le provincie di Varese, Como, Lecco, Pavia, Mantova, Cremona, Pavia, Lodi, Sondrio, Brescia e Bergamo dove la copertura radio risultava ottimale praticamente ovunque.

Nelle Provincie di Bergamo, Sondrio e Brescia infine si è testato anche il supporto di mezzi aerei per riuscire ad ottimizzare e strategicamente velocizzare il maggior numero di punti di prova con dei veloci e mirati sbarchi di personale, muniti di portatili per la verifica dei requisiti minimi di trasmissione.

Vaccinazioni CVD19: tutti in linea

Nelle giornate del 16 e 17 Gennaio siamo stati attivati da Regione Lomdardia come componenti della COLONNA MOBILE REGIONALE per il supporto tecnico al “Vacin Center” predisposto presso l ospedale covid allestito nella ex fiera di Milano. Intervenuta una ns squadra di specialisti in telecomunicazioni (TLC) a bordo del mezzo speciale CTM Carro Trasmissioni Mobile in convenzione con Regione Lombardia.

Esercitazione Regionale Modulo TLC Colonna Mobile Regionale

Sabato 12 Settmbre 2 squadre di volontari della specializzazione telecomunicazioni di Orobie Soccorso, hanno partecipato all’esercitazione regionale del modulo telecomunicazioni della colonna mobile regionale

La mattinata ha riguardato le aree golenali comprese tra Stagno Lombardo e Martignana di Po , mentre nel pomeriggio, ha interessato l’areale compreso tra Rivolta d’Adda, Crema e Soncino. L’esercitazione è servita a Regione Lombardia per sperimentare una copertura radio ‘nomadica’ da attivare in caso di maxi emergenze che coinvolgano il territorio, con la copertura radio realizzata da opportuni veicoli che hanno operato come infrastrutture radio mobili.

I tecnici di Orobie Soccoorso hanno così potuto consolidare la pratica operativa nell’utilizzo e il piazzamento del nuovo sistema aggiornato a bordo del Centro Mobile di Trasmissioni e dare le proprie competenze in campo radiantistico.

Esercitazione AIB a Ranzanico

Giornata di esercitazione per la squadra AIB Val Cavallina nel pomeriggio di sabato 8 febbraio a Ranzanico. Lo scenario è stato ideato per verificare e testare la conoscenza delle procedure introdotte con il recente aggiornamento triennale del Piano AIB Regionale ed in particolar modo per quanto riguarda l’allertamento e l’attivazione delle squadre, nonché la gestione dei flussi delle comunicazioni radiofoniche e l’interfaccia della “Base Laghi” di Orobie Soccorso, a supporto di tutte le forze di Protezione Civile in caso di criticità, per ora attiva sulla ValCavallina. A supporto delle squadre AIB, ha operato personale delle specializzazioni TLC attivi, che ha simulato la Sala Operativa e Droni per il rilievo delle temperature anomale rilevate al suolo. Sullo scenario è intervenuto anche il nucleo ANA della Protezione Civile di Ranzanico, unitamente al Sindaco, per fornire il supporto logistico necessario, così come previsto dal Piano. Le comunicazioni radio sono avvenute utilizzando tre reti radio: regionale per le comunicazioni tra DOS e Capi Squadra, di Comunità Montana per le comunicazioni tra le squadre e Rete Radio Orobie Soccorso per le comunicazioni tra DOS, Sala Operativa e nucleo PC di Ranzanico. Si ringraziano l’Amministrazione di Ranzanico ed il nucleo ANA per la disponibilità ed il supporto messi in campo.

Campagna #diventavolontarioos

Grazie alla linea giuda del nostro Dipartimento Nazionale vi invitiamo a seguire la nuova rubrica sui social Instragram, Twitter e Facebook #diventavolontarioos vogliamo presentarvi le professionalità degli uomini e delle donne della nostra Associazione che, con il loro impegno e la loro dedizione, rappresentano l’elemento più importante del volontariato specializzato di Protezione Civile.

allertaLOM

#allertaLOM è l’App di #RegioneLombardia che permette di ricevere le allerte di #ProtezioneCivile emesse, in previsione di eventi naturali con possibili danni sul territorio, dal Centro Funzionale Monitoraggio Rischi naturali di Regione Lombardia.

Le allerte riguardano i rischi naturali prevedibili (idrogeologico, idraulico, temporali forti, vento forte, neve, valanghe e incendi boschivi) e presentano livelli crescenti di criticità (codice verde, giallo, arancione, rosso) a seconda della gravità ed estensione dei fenomeni. I documenti di allerta sono destinati al sistema locale di Protezione Civile e forniscono indicazioni per attivare le misure di contrasto previste nei Piani Comunali di Protezione Civile. Per i cittadini, le allerte sono uno strumento per sapere quando adottare le misure di auto-protezione, seguendo le indicazioni dell’Autorità locale di Protezione Civile.

App per dispositivi iOS: https://apple.co/2PBUJP4

App per dispositivi Android: http://bit.ly/38xDqaD

Prove Sintonie Prefettura

Tecnici di telecomunicazioni e di sala operativa di Orobie Soccorso sono stati impiegati il 17 ottobre 2019 per le prove di sintonia, fortemente volute dalla Prefettura di Bergamo, per verificare l’efficienza e l’efficacia delle apparecchiature radio di protezione civile da impiegarsi in caso di necessità per collegare i COC della Valle Cavallina con il COM di Casazza.
Giovedì 17 ottobre al COM di Casazza, dove era presente un funzionario Prefettizio, in 30 minuti è stata allestita una sala radio tecnologicamente avanzata e in solo 15 minuti e stato possibile ricevere i messaggi da TUTTI i 16 COC della Val Cavallina.
Un dato molto importante perchè indica che in pochi minuti è possibile avere con precisione la situazione emergenziale (simulata) in atto per permettere poi ai vari centri di comando di gestire la situazione.
Questo risultato straordinario è frutto di anni di lavoro e stretta collaborazione tra tutte le Amministrazioni Comunali e le Organizzazioni di volontariato di Protezione Civile nonché dell’importante progetto della RETE RADIO DIGITALE di Orobie Soccorso che si è dimostrata ancora una volta uno strumento strategico ed essenziale dall’elevato grado di tecnologia.

RICERCA PERSONA SCOMPARSA DOSSENA (BG)


Numeri importanti: 7 giorni ininterrotti di ricerca, oltre 300 soccorritori, di cui più di 200 volontari di protezione civile per cercare il fungaiolo scomparso il 29 settembre.

Attivati dalla Provincia di Bergamo, su richiesta della Prefettura, la colonna  mobile ricerca dispesi di Orobie Soccorso si è subito mossa nella serata di Domenica 29 settembre con unità cinofile e tecnici di ricerca, coordinamento e telecomunicazioni. Per tutta la settimana si è operato in strettissima collaborazione con l’arma dei Carabinieri, il Soccorso Alpino, i vigili del fuoco, il Sindaco di Dossena e la Provincia di Bergamo impiegando e gestendo risorse importanti.

Utilizzate anche tecnologie avanzate come droni, elicotteri, radio geolocalizzate e sistemi gps

Orobie Soccorso con molto impegno e professionalità ha garantito ogni giorno personale cinofilo e tecnico. Sabato 5 ottobre si è organizzato una imponente ricerca impiegando 190 persone: una quarantina del Soccorso alpino e  speleologico, 100 volontari dei gruppi di Protezione civile, della Croce Rossa, e naturalmente i Vigili del Fuoco. Sul posto anche i Carabinieri di San Pellegrino e il sindaco con l’amministrazione comunale. L’impegno da parte di tutti è stato  notevole ma purtroppo ancora non sono emerse novità, né altri indizi utili per la ricerca. “Con il rammarico di non essere riusciti a dare alla famiglia una conclusione diversa a questa tragedia, non possiamo far altro che interrogarci su quanto una semplice escursione, anche in luoghi non per forza impervi o  estremi, possa trasformarsi in un intervento molto impegnativo. Nonostante la dedizione e le professionalità in campo, l’esito di queste ricerche non è mai scontato”, sottolinea Marco Astori, responsabile della VI Delegazione Cnsas. Da qui il consiglio di indossare indumenti con colori di facile individuazione, di avere sempre con sé sistemi di  comunicazione con applicazioni che facilitino la localizzazione, oppure dei sistemi GPS. Quando diventa difficile capire esattamente la posizione di una persona che ha bisogno di aiuto, anche un infortunio banale, un piccolo malore o una perdita di orientamento possono trasformarsi in una tragedia.